Attualità Africa

In Eritrea, procede la campagna di nazionalizzazioni forzate di scuole e ospedali cattolici. Fonti della Chiesa hanno affermato che l’ultima struttura requisita è il collegio di Hagaz, gestito dai fratelli lassalliani, al quale sono stati posti i sigilli il 23 agosto.

2 Settembre 2022
di Enrico Casale
http://www.africarivista.it

“Il governo voleva che i fratelli rimanessero fino all’inizio di settembre, ma i fratelli non erano contenti di come stavano andando le cose, così hanno deciso di consegnarlo”, ha commentato padre Weldesen Dekin, un lasalliano eritreo residente a Nairobi. I fratelli gestivano la scuola da 23 anni, offrendo ai giovani una formazione in campi legati all’agricoltura, tra cui la meccanica, l’allevamento, l’orticoltura, la conservazione del suolo e l’irrigazione.

Una fonte interna ai fratelli salesiani ha affermato che alti funzionari hanno confermato che, a settembre, il governo prevede di sequestrare anche la scuola tecnica Don Bosco a Dekemhare, la seconda città dell’Eritrea. La scuola offre formazione in edilizia, carpenteria metallica, meccanica automobilistica e falegnameria, tra le altre competenze, a circa 160 studenti all’anno.

Nel 2019, il governo ha confiscato o chiuso sette istituzioni educative che vanno dalle scuole primarie di base a quelle intermedie e ha preso il controllo con la forza più di 29 istituzioni sanitarie. “Le scuole e gli ambulatori che il regime ha occupato finora sono in parte abbandonati oppure offrono servizi di bassa qualità. Il danno maggiore è alla popolazione, che perde un servizio di qualità – ha detto al Catholic News Service, padre Mussie Zerai, un sacerdote eritreo che lavora con i migranti -. La religione non è solo liturgia e preghiera, ma è anche atti di carità concreti. Con queste chiusure il regime cerca di limitare l’azione caritativa e di testimonianza della Chiesa nella società civile”.

“La Chiesa non ne parla. Credono che non servirà a nulla e avrà solo ripercussioni negative. Il luogo (l’Eritrea) non è sicuro”, ha detto la fonte, che per motivi di sicurezza non ha potuto essere nominata.

Alcune delle istituzioni confiscate furono costruite durante il periodo coloniale italiano, terminato nel 1941, e servono studenti provenienti da famiglie povere. Il governo ha spiegato che l’acquisizione delle istituzioni è conforme a un decreto del 1995 che cerca di “standardizzare e articolare legalmente le istituzioni e le attività religiose”. L’Eritrea riconosce solo quattro gruppi religiosi registrati: cattolici, eritrei ortodossi, evangelici luterani e musulmani sunniti.

“Il livello di restrizione è estremo. Qualsiasi critica è severamente punita e chi è a casa subisce la punizione per qualsiasi parente in esilio”, ha affermato una fonte della Chiesa cattolica di cui non è stato possibile fare il nome per motivi di sicurezza.

I gruppi per i diritti umani affermano che i sequestri delle scuole sono fatti per alimentare la politica del governo di coscrizione forzata nel servizio militare e pubblico. La coscrizione forzata ha costretto all’esilio migliaia di giovani eritrei, secondo Human Rights Watch.

I vescovi cattolici eritrei hanno recentemente scritto al governo per esprimere “tristezza” per le azioni del governo. Hanno detto che la Chiesa non smetterà mai di rivendicare la restituzione delle istituzioni sociali prese con la forza, così come il diritto della chiesa di svolgere servizi sociali. Nell’aprile 2019, i vescovi hanno chiesto la riconciliazione nazionale attraverso una commissione che avrebbe condotto una campagna per la verità e la riconciliazione, ma il governo ha risposto a ciò sequestrando le istituzioni sanitarie della Chiesa.

Foto di apertura: Afp