I primi cinque del continente sono Sudafrica, Egitto, Nigeria, Marocco e Kenya.
Una ricchezza prevista in crescita del 38% nel prossimo decennio con un boom del 60% del settore di gestione patrimoniale. Nel continente sono poco più di 143mila i super ricchi e centinaia di milioni le persone che vivono in povertà

23 Dicembre 2022
Rivista Nigrizia, articolo di Redazione

Un rapporto sulla ricchezza in Africa pubblicato lo scorso aprile dall’agenzia inglese di consultazione sugli investimenti Henley & Partners (H&P), in collaborazione con l’agenzia sudafricana New World Wealth.

Secondo il rapporto, Sudafrica, Egitto e Nigeria, a fine 2022, detengono rispettivamente 651 miliardi di dollari, 307 miliardi di dollari e 228 miliardi di dollari di ricchezza privata, e rappresentano 1,18 bilioni di dollari, pari al 56% dei 2,1 bilioni di dollari di ricchezza totale dell’Africa.

Si tratta di una valutazione diversa dal Pil, la misura monetaria del valore di mercato di tutti i beni e servizi prodotti in un determinato periodo di tempo in un paese.

Il Marocco e il Kenya completano la lista dei primi 5 del continente con una ricchezza privata totale pari rispettivamente a 125 e 91 miliardi di dollari.

“A livello globale, Sudafrica, Nigeria ed Egitto erano tra le prime 15 nazionalità per le informazioni ricevute da H&P lo scorso anno. Il Sudafrica si era posizionato al 5° posto a livello globale, con una crescita del 38% nel 2021, la Nigeria al 7° posto con una crescita del 15% e l’Egitto al 14° posto con una crescita del 25%”, afferma nel rapporto Dominic Volek, responsabile del gruppo clienti privati di H&P.

A testimonianza di quanto i paesi più ricchi incidano sulla ricchezza totale del continente, nell’ultimo decennio Sudafrica, Egitto e Nigeria hanno registrato un tasso di crescita negativo della ricchezza privata pari a -12%, -23% e -27% rispettivamente, portando a un calo del 7% nella crescita della ricchezza africana dal 2011.

Il Sudafrica ospita oltre il doppio dei milionari in dollari rispetto a qualsiasi altro paese africano, ed è anche il paese con il più alto divario al mondo tra ricchi e poveri.

Il numero approssimativo di persone con un patrimonio netto di 1 milione di dollari o più (o quello che l’indagine chiama “high net worth individuals” – persone con un patrimonio netto elevato) che vivono in Africa è di 136mila, ma quelli il cui patrimonio vale più di 10 milioni di dollari sono 6.700. Solo 305 africani possiedono proprietà private del valore di almeno 100 milioni di dollari e il continente conta solo 21 miliardari.

Secondo Amanda Smith, socio dirigente del centro di studi sudafricano, nell’ultimo decennio Mauritius è stato «il mercato della ricchezza in più rapido aumento in Africa in termini percentuali, con una crescita del 74% tra il 2011 e il 2021». La nazione insulare ha anche la più alta ricchezza procapite in Africa, pari a 34.500 dollari.

New World Wealth ha previsto una crescita della ricchezza del 38% per l’Africa nel prossimo decennio, e i paesi dell’Africa orientale sono destinati a sostenere questo aumento, con “oltre il 60% di crescita prevista in Uganda e Rwanda e oltre il 50% in Kenya e Zambia”.

Il rapporto aggiunge che questo progresso sarà guidato da una forte crescita nei settori della tecnologia e dei servizi professionali. “Il Sudafrica è la sede del più grande mercato del lusso in Africa per fatturato, seguito dal Kenya e dal Marocco”, si legge nel rapporto. Si prevede che il mercato africano della gestione patrimoniale crescerà del 60% nel prossimo decennio.

Lo studio mostra che la ricchezza più alta dell’Africa è stata registrata nel 2012, con 2.400 miliardi di dollari, mentre il 2017 ha registrato il maggior numero di milionari in dollari (148mila persone). Ma il continente è anche criticato per i regimi fiscali (e la corruzione) che in molti paesi hanno permesso l’ascesa di questi super ricchi, a fronte di centinaia di milioni di cittadini in condizioni di sempre maggior povertà.