Attualità ecclesiale
Curia e Chiesa universale

Concistoro il 27 agosto per 21 nuovi cardinali

Il Papa ha annunciato la creazione dei nuovi porporati: tra di essi tre capi di dicastero della Curia. Sedici gli elettori, cinque ultraottantenni. Cinque italiani, tra cui il vescovo di Como Cantoni, l’emerito di Cagliari Miglio e il professor Ghirlanda. Il più giovane con i suoi 48 anni è Marengo, prefetto apostolico di Ulan Bator, capitale della Mongolia

Salvatore Cernuzio – Città del Vaticano
29 maggio 2022
http://www.vaticannews.va

Cardinali provenienti da ogni parte del mondo. Il Papa al termine del Regina Coeli ha annunciato un nuovo Concistoro, il prossimo 27 agosto, per la creazione di ventuno nuovi porporati. È l’ottavo Concistoro del pontificato di Francesco.

Un concistoro di fine estate che guarda al mondo

LEGGI ANCHE

29/05/2022

Un concistoro di fine estate che guarda al mondo

“Lunedì e martedì 29 e 30 agosto si terrà una riunione di tutti i cardinali per riflettere sulla nuova Costituzione apostolica Praedicate evangelium e sabato 27 agosto terrò un Concistoro per la creazione dei nuovi cardinali”, ha annunciato il Pontefice dalla finestra del Palazzo Apostolico.

Tre capi Dicastero

Tra i nuovi cardinali ci sono tre capi Dicastero della Curia romana. Sono l’inglese Arthur Roche, prefetto della Congregazione per il Culto Divino; il coreano Lazzaro You Heung-sik, prefetto della Congregazione del Clero; lo spagnolo Fernando Vérgez Alzaga, presidente della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano e Governatorato.

Le biografie dei nuovi cardinali

LEGGI ANCHE

29/05/2022

Le biografie dei nuovi cardinali

Nuove porpore 

Insieme a loro Francesco ha elevato alla porpora: Jean-Marc Avelin, arcivescovo di Marsiglia; Peter Ebere Okpaleke, vescovo di Ekwulobia, in Nigeria; Leonardo Steiner, arcivescovo di Manhaus, in Brasile; Filipe Neri António Sebastião do Rosário Ferrão, arcivescovo di Goa e Damao, India; Robert W. McElroy, vescovo di San Diego, Usa; Virgílio do Carmo da Silva; arcivescovo di Timor orientale; Oscar Cantoni, vescovo di Como, Italia; Anthony Poola, arcivescovo di Hyderabad, India; Paulo César Costa, arcivescovo di Brasilia; Richard Kuuia Baawobr, arcivescovo di Wa, Ghana; William Seng Chye Goh; arcivescovo di Singapore; Adalberto Martínez Flores; arcivescovo di Asuncion, Paraguay; Giorgio Marengo, prefetto apostolico di Ulan Bator, capitale della Mongolia. È quest’ultimo, con i suoi 48 anni, il più giovane membro del Collegio cardinalizio.

Ultraottantenni

Con loro, riceveranno la berretta rossa anche cinque ultraottantenni, che dunque non entreranno in un eventuale Conclave. Sono: Jorge Enrique Jiménez Carvajal, arcivescovo emerito di Cartagena (Colombia); Lucas Van Looy, vescovo emerito di Gent, Belgio; Arrigo Miglio, arcivescovo emerito di Cagliari; padre Gianfranco Ghirlanda SI, professore di Teologia, già rettore della Pontificia Università Gregoriana; monsignor Fortunato Frezza, canonico di San Pietro.

“Preghiamo per i nuovi cardinali” 

“Preghiamo per i nuovi cardinali affinché, confermando la loro adesione a Cristo, mi aiutino nel mio ministero di Vescovo di Roma per il bene di tutto il santo popolo fedele di Dio”, ha detto il Papa, al termine della lettura dell’elenco di nuove porpore.

La composizione del Collegio cardinalizio

Il Collegio cardinalizio oggi è composto da 208 porporati, di cui 117 elettori e 91 non elettori. Il 27 agosto salirà a 229 cardinali di cui 132 elettori. Secondo il pontificato di creazione, al 27 agosto il Collegio sarà costituito da 52 cardinali creati da Giovanni Paolo II di cui 11 elettori; 64 creati da Benedetto XVI di cui 38 elettori; 113 creati da Francesco di cui 83 elettori. Da un punto di vista geografico i cardinali dal 27 agosto saranno così distribuiti: 107 cardinali in Europa, di cui 54 elettori; 60 cardinali nelle Americhe, di cui 38 elettori; 30 cardinali in Asia, di cui 20 elettori; 27 cardinali in Africa, di cui 17 elettori; 5 cardinali in Oceania, di cui 3 elettori.