Gustave Thibon

L’essere che preferisce tutto alla morte, non sa vivere. Ha paura della morte, perché porta già in sé la morte, questa morte eterna che comincia già nel tempo.

VITA E MORTE — Tra la vita terrestre e quell’altra vita che ha inizio con la morte, il contrasto, per l’uomo normale, è meno violento di quanto si creda. Il timore della morte non può rappresentare un assoluto per chi ama la vita in modo sano. L’essere che preferisce tutto alla morte, non sa vivere. Ha paura della morte, perché porta già in sé la morte, questa morte eterna che comincia già nel tempo. Teme la morte, si aggrappa, disperato, a tutte le apparenze moribonde e morte della vita e della felicità, perché ha perso ogni fiducia nella vita, nella forza e nell’eternità della vita. Del resto, le forme di civiltà nelle quali l’uomo si accanisce a difendere la vita con i mezzi più artificiali e spesso più sacrileghi, sono anche quelle dove il suicidio si diffonde maggiormente. Questi due fenomeni sono della medesima essenza: il suicidio implica soltanto un grado di più o di meno, secondo i casi, della non-possibilità di vivere.

Gustave Thibon,
IL PANE DI OGNI GIORNO

Gustave Thibon (1903-2001), filosofo e scrittore francese, è stato definito “il filosofo contadino”.