Religioni

Alcune personalità hanno firmato un appello alle religioni perché diventino protagoniste di un processo di pace a cui tutti aneliamo.

Le religioni:
speranza per un mondo in bilico

14 settembre 2022
di: Halik-Schavan-Zulehner
http://www.settimananews.it

Un mondo in bilico

Viviamo in un mondo in bilico. Le sfide che l’umanità deve affrontare sono enormi:

  • In molte parti del mondo si stanno combattendo guerre barbare; la minaccia di un eccesso di armi atomiche (ABC) e di disastri nucleari nelle zone di guerra è acuta.
  • Il delicato sistema climatico ha raggiunto molti punti critici; se questi vengono superati, lo spazio vitale sulla terra è minacciato.
  • Le guerre, la disperazione dovuta alla povertà e le catastrofi climatiche hanno già spinto più di 100 milioni di persone a fuggire; crescono le tensioni politiche nei paesi che ricevono i profughi.
  • Nei paesi ricchi è in atto un processo di informatizzazione che sta cambiando la struttura sociale in modo simile all’industrializzazione.
  • La pandemia ha messo in ombra questi processi, facendoli passare in secondo piano. Nel frattempo hanno raggiunto la politica.
Molte persone sono turbate, la paura si sta diffondendo

Molte persone sentono sempre più nella loro vita quotidiana questi sviluppi minacciosi. Le foreste bruciano in Europa. I fiumi stanno registrando livelli d’acqua bassi senza precedenti. In altri luoghi ci sono inondazioni.

Poiché il mais e il grano provenienti dall’Ucraina non possono essere trasportati liberamente, la fame si aggrava in molte parti del mondo. I prezzi dell’energia sono in aumento in tutto il mondo. Anche nei paesi ricchi il costo della vita sta diventando inaccessibile per le persone più deboli. Esperienze di questo tipo turbano le persone. Fanno paura. La paura, poi, distrugge la solidarietà e crea un’atmosfera di crescente rivalità.

Alcuni populisti politici e fondamentalisti religiosi usano la paura, la menzogna e l’avidità per allargare i divari tra nazioni, culture e religioni, alimentare l’odio e la violenza, diffondere il nazionalismo (egoismo nazionale) e la xenofobia.

Cercare risorse di speranza

In questa situazione mondiale, noi firmatari di questo appello, insieme a molte persone di buona volontà, siamo alla ricerca di risorse che ci aiutino a resistere di fronte alla paura e ad affrontare le sfide con coraggio.

Questo non può essere ottenuto con promesse di sicurezza. Solo la fiducia ci incoraggia a trovare la speranza e ad agire. Più la situazione mondiale è angosciante, più il mondo ha bisogno di speranza. Solo da questa speranza i responsabili e le popolazioni non perderanno la fiducia nella possibilità di vincere le grandi sfide.

Le religioni come fonti di speranza

Per milioni di persone, le religioni del mondo sono state e sono tuttora una fonte di speranza e di forza per superare la paura, l’egoismo e la rassegnazione, un’ispirazione per una vita universalmente solidale.

Il grande desiderio di un’umanità unita nella giustizia e nella pace, per il quale le religioni si battono e lavorano, non ha perso la sua forza e motiva sempre più persone, soprattutto nei momenti di paura.

Le religioni sono spesso parte del problema, non la soluzione

Allo stesso tempo, siamo consapevoli che le comunità religiose si trovano in una situazione difficile in questo momento in cui c’è così urgentemente bisogno di loro. Anche molti credenti – compreso papa Francesco – ammettono dolorosamente che le religioni (le comunità religiose) sono spesso parte del problema e non della soluzione.

  • Le Chiese cristiane in Europa stanno perdendo fiducia per una serie di gravi motivi. Spesso sono troppo ripiegate su sé stesse, cioè «malate», come ha diagnosticato papa Francesco.
  • Non solo le Chiese cristiane, ma anche l’Islam è in una profonda crisi di fiducia a livello mondiale. L’alleanza tra religione e violenza aveva già gravemente danneggiato il cristianesimo in Europa. La violenza terroristica a sfondo religioso minaccia la credibilità della comunità musulmana globale.
  • Molti sono anche giustamente irritati dall’alleanza tra i bellicosi politici russi e il patriarca della Chiesa ortodossa russa.
Rinnovamento delle comunità religiose per il bene del mondo

Tuttavia, nelle religioni del mondo ci sono forze forti che rifiutano e vogliono superare questo tragico legame tra Dio e la violenza. Nel loro impegno politico verso il mondo, le religioni dovrebbero essere guidate dalle loro fonti profetiche e non dagli interessi dei potenti. La vera religione trasforma la violenza in amore (universale). In questo si radicano la dignità, l’uguaglianza, la libertà, la giustizia e la pace con tutti gli uomini e con la natura.

In questo grave momento, noi, firmatari di questo appello, appartenenti alle varie comunità di fede, ci rivolgiamo alle nostre file, a tutte le comunità di fede e a tutte le persone di buona volontà.

Vogliamo ricordarlo a noi stessi e a tutti con urgenza:

  • Tutte le comunità religiose hanno bisogno di un’autoriflessione critica e di sforzi per l’auto-approfondimento e il rinnovamento per riconquistare la credibilità e l’autorità morale spesso giustamente perdute. La riforma interiore e la memoria teologica della storia fanno parte della speranza di cui abbiamo bisogno.
  • Se le comunità religiose devono essere strumenti di riconciliazione e di pace, devono, soprattutto ora, superare tutte le manifestazioni di rivalità reciproca e impegnarsi per una cultura di riconoscimento e di rispetto reciproco.
  • Tutte le comunità religiose hanno bisogno del coraggio e dell’umiltà di “autotrascendersi”, cioè astenersi da sé stesse, e di superare il loro “narcisismo collettivo” per perseguire non solo i loro interessi istituzionali e ideologici, ma anche per assumere la loro corresponsabilità per il mondo di tutti.
Non agonia, ma doglie di partoriente

Papa Francesco – in linea con il Concilio Vaticano II (Nostra aetate 2) – è molto preoccupato che le religioni e tutte le persone di buona volontà lavorino insieme per il bene del mondo. Nel Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, egli, insieme al Grande Imam Ahmad Al-Tayyeb, ci ricorda che Dio «ha creato tutti gli esseri umani uguali nei diritti, nei doveri e nella dignità, e li ha chiamati a convivere come fratelli tra di loro».

Le religioni alimentano la speranza che le attuali sfide che attanagliano il mondo non siano la morte della terra e dell’umanità, ma parto di un mondo in cui i popoli vivono nella giustizia e nella pace in armonia con la natura.

14 settembre 2022

Primi firmatari

Tomas Halik, sociologo e teologo, Praga.
Annette Schavan, ex ministro federale tedesco, Ulm.
Paul M. Zulehner, teologo pastorale, ricercatore su religione e valori, Vienna.
Stella Maram, segretaria generale del Congresso ebraico mondiale, Bruxelles e New York.
Alberto Melloni, storico, presidente dell’Accademia europea delle religioni, Bologna.
Massimo Faggioli, esperto di teologia e di studi religiosi, Università di Villanova, Philadelphia.