Dopo settimane di doppio gioco di Kirill, il patriarca “di Mosca e di tutte le Russie” si schiera decisamente con Putin. L’alleanza tra trono e altare siglato da Putin con Kirill ha prevalso.  Il patriarca Kirill è ‘l’ispiratore di Putin’, e ora non può sconfessarlo, anche a costo di lacerare la Chiesa ortodossa. Nei giorni scorsi Kirill aveva fatto appelli sporadici, non senza ambiguità: con una mano benediva i soldati russi in partenza per il fronte, dall’altra faceva appello al raggiungimento della pace il prima possibile.
Nel corso di un sermone che ha pronunciato ieri, ‘domenica del perdono’, ultimo giorno prima dell’avvio, nel calendario ortodosso, della Quaresima, ha esposto una sua valutazione ‘spirituale’ dell’attualità. Ed è una benedizione, argomentata, della guerra di Putin, una guerra spirituale  e “metafisica” contro l’occidente e la ‘tirannia di un nuovo ordine mondiale’!
Leggendo questo sermone viene da chiederci se veramente la sua è una “fede che afferma la vita, che è contro la morte, contro la distruzione”, e quanto sia sincero il suo invito a “perdonare tutti”: “con il nostro perdono consegniamo i nostri malfattori nelle mani di Dio”!
Ed infine ci si domanda se per caso dietro il suo scagliarsi contro “la sfilata dell’orgoglio gay” della cultura occidentale, e la sua pretesa di difendere i valori cristiani non ci sia piuttosto un rigurgito del “Russian pride”!

Ecco la traduzione del suo sermone.

Omelia di Cirillo, patriarca di Mosca e di tutte le Russie
6 marzo 2022
Domenica del Perdono

Il 6 marzo 2022, la domenica di mezza estate, la domenica dell’esilio adamico (domenica del perdono), Sua Santità il Patriarca Kirill di Mosca e di tutte le Russie ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca. Alla fine del servizio il Primate della Chiesa ortodossa russa ha pronunciato un sermone.

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
A tutti voi, cari signori, padri, fratelli e sorelle, mi congratulo di cuore per la domenica di oggi, la domenica del perdono, l’ultima domenica prima dell’inizio della Quadragesima, la Grande Quaresima!

Molti devoti si riferiscono alla Quaresima come ad una primavera spirituale. Essa coincide con la sorgente fisica e allo stesso tempo è percepita dalla coscienza della Chiesa come una sorgente spirituale. E cos’è la primavera? La primavera è la rinascita della vita, il rinnovamento, la nuova forza. Sappiamo che è in primavera che la potente linfa scoppia a dieci, venti, cento piedi di altezza, portando la vita all’albero. È davvero un sorprendente miracolo di Dio, un miracolo della vita. La primavera è la rinascita della vita, un certo grande simbolo della vita. Ed è per questo che non è assolutamente casuale che la principale festa di primavera sia la Pasqua del Signore, che è anche un segno, un pegno, un simbolo di vita eterna. E noi crediamo che sia così, e questo significa che la fede cristiana, che condividiamo con voi, è la fede che afferma la vita, che è contro la morte, contro la distruzione, che afferma la necessità di seguire le leggi di Dio per vivere, per non perire in questo mondo e nel prossimo. Ma sappiamo che questa primavera è oscurata da gravi eventi legati al deterioramento della situazione politica nel Donbas, quasi l’inizio delle ostilità. Vorrei dire qualcosa su questo argomento.

Per otto anni ci sono stati tentativi di distruggere ciò che esiste nel Donbas. E nel Donbas, c’è un rifiuto, un rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori che vengono offerti oggi da coloro che rivendicano il potere mondiale. Oggi c’è una prova di fedeltà a questo potere, una sorta di lasciapassare per quel mondo “felice”, un mondo di consumo eccessivo, un mondo di apparente “libertà”. Sai cos’è questo test? La prova è molto semplice e allo stesso tempo terrificante: si tratta di una sfilata dell’orgoglio gay. La richiesta di molti di avere una sfilata dell’orgoglio gay è una prova di fedeltà a quel mondo molto potente; e sappiamo che se le persone o i paesi rifiutano queste richieste, non fanno parte di quel mondo, ne diventano estranei.

Ma sappiamo cos’è questo peccato, che viene promosso attraverso le cosiddette marce della dignità. È un peccato che è condannato dalla Parola di Dio – sia nel Vecchio che nel Nuovo Testamento. E Dio, nel condannare il peccato, non condanna il peccatore. Lo chiama solo al pentimento, ma in nessun modo fa del peccato uno standard di vita, una variazione del comportamento umano – rispettata e tollerata – attraverso l’uomo peccatore e il suo comportamento.

Se l’umanità accetta che il peccato non è una violazione della legge di Dio, se l’umanità accetta che il peccato è una variazione del comportamento umano, allora la civiltà umana finirà lì. E le parate dell’orgoglio gay hanno lo scopo di dimostrare che il peccato è una variante del comportamento umano. Ecco perché per entrare nel club di quei paesi bisogna fare una parata dell’orgoglio gay. Non per fare una dichiarazione politica ‘siamo con voi’, non per firmare qualche accordo, ma per fare una parata del gay pride. Sappiamo come la gente resiste a queste richieste e come questa resistenza viene soppressa con la forza. Quindi si tratta di imporre con la forza il peccato condannato dalla legge di Dio, il che significa imporre con la forza la negazione di Dio e della sua verità sulle persone.

Quindi ciò che sta accadendo oggi nelle relazioni internazionali non riguarda solo la politica. Si tratta di qualcos’altro e molto più importante della politica. Si tratta della salvezza umana, di dove l’umanità si troverà alla destra o alla sinistra di Dio Salvatore, che viene nel mondo come giudice e creatore della creazione. Molti oggi, per debolezza, stoltezza, ignoranza, e più spesso perché non vogliono resistere, vanno lì, al lato sinistro. E tutto ciò che ha a che fare con la giustificazione del peccato condannato nella Bibbia è la prova oggi della nostra fedeltà al Signore, della nostra capacità di confessare la fede nel nostro Salvatore.

Tutto quello che dico ha più di un significato teorico e più di un significato spirituale. Oggi c’è una vera e propria guerra intorno a questo argomento. Chi attacca l’Ucraina oggi, dove otto anni di soppressione e sterminio di persone nel Donbas; otto anni di sofferenza, e il mondo intero è in silenzio – cosa significa? Ma noi sappiamo che i nostri fratelli e le nostre sorelle soffrono veramente; inoltre, possono soffrire per la loro fedeltà alla Chiesa. E così oggi, nella domenica del perdono, io, da una parte, come vostro pastore, invito tutti a perdonare i peccati e le offese, anche dove è molto difficile farlo, dove le persone litigano tra loro. Ma il perdono senza giustizia è resa e debolezza. Il perdono deve quindi essere accompagnato dal diritto indispensabile di stare dalla parte della luce, dalla parte della verità di Dio, dalla parte dei comandamenti divini, dalla parte di ciò che ci rivela la luce di Cristo, la sua Parola, il suo Vangelo, le sue più grandi alleanze date al genere umano.

Tutto questo dimostra che siamo impegnati in una lotta che non ha un significato fisico, ma metafisico. So come, purtroppo, gli ortodossi, i credenti, scegliendo in questa guerra la via di minor resistenza, non riflettono su tutto ciò su cui stiamo riflettendo oggi, ma vanno obbedienti lungo la via che viene loro indicata dai poteri. Non condanniamo nessuno, non invitiamo nessuno alla croce, diciamo solo a noi stessi: saremo fedeli alla parola di Dio, saremo fedeli alla sua legge, saremo fedeli alla legge dell’amore e della giustizia, e se vediamo violazioni di questa legge, non sopporteremo mai coloro che distruggono questa legge, cancellando la linea tra santità e peccato, e soprattutto coloro che sostengono il peccato come modello o modello di comportamento umano.

Oggi i nostri fratelli nel Donbass, popolo ortodosso, stanno indubbiamente soffrendo, e noi non possiamo fare a meno di essere con loro – prima di tutto nella preghiera. Dobbiamo pregare che il Signore li aiuti a preservare la loro fede ortodossa e a non soccombere alle tentazioni e ai tentacoli. Allo stesso tempo, dobbiamo pregare che la pace arrivi il più presto possibile, che il sangue dei nostri fratelli e sorelle smetta di essere versato, e che il Signore abbia pietà della terra del Donbas, che da otto anni porta l’impronta dolorosa del peccato e dell’odio umano.

Mentre entriamo nella stagione della Quaresima, cerchiamo di perdonare tutti. Cos’è il perdono? Se chiedi perdono a qualcuno che ha infranto la legge o ha fatto qualcosa di ingiusto e cattivo nei tuoi confronti, non stai giustificando il suo comportamento, ma semplicemente smetti di odiarlo. Cessa di essere il tuo nemico, il che significa che perdonandolo lo sottometti al giudizio di Dio. Questo è il vero significato del perdonarsi a vicenda per i nostri peccati ed errori. Noi perdoniamo, rinunciamo all’odio e alla vendetta, ma non possiamo cancellare le malefatte umane là in cielo; così con il nostro perdono consegniamo i nostri malfattori nelle mani di Dio affinché sia il giudizio che la misericordia di Dio siano fatti su di loro. Che il nostro atteggiamento cristiano verso i peccati, i torti e le offese degli uomini non sia la causa della loro rovina, ma che il giusto giudizio di Dio sia completato su tutti, compresi coloro che si assumono la responsabilità più pesante, allargando l’abisso tra i fratelli, riempiendolo di odio, malizia e morte.

Che il Signore misericordioso esegua il suo giusto giudizio su tutti noi. E per evitare che come risultato di questo giudizio ci troviamo dalla parte sinistra del Salvatore che è venuto nel mondo, dobbiamo pentirci dei nostri peccati. Avvicinarsi alla nostra vita con un’analisi molto profonda e spassionata, chiedersi cosa è bene e cosa è male, e in nessun modo giustificarsi dicendo: “Ho avuto una discussione con questo o quello, perché avevano torto”. Questo è un falso argomento, questo è l’approccio sbagliato. Dovresti sempre chiedere davanti a Dio: Signore, cosa ho fatto di male? E se il Signore ci aiuta a renderci conto della nostra ingiustizia, allora pentitevi di questa ingiustizia.

È oggi, nella Domenica del Perdono, che dobbiamo compiere questa impresa di abnegazione dai nostri peccati e dalle nostre ingiustizie, l’impresa di abbandonarci nelle mani di Dio e l’impresa più importante di perdonare coloro che ci hanno fatto del male.

Che il Signore ci aiuti tutti a passare i giorni della Quadragesima in modo tale da poter entrare degnamente nella gioia della Risurrezione di Cristo. E preghiamo che tutti coloro che stanno combattendo oggi, che stanno spargendo sangue, che stanno soffrendo, entrino anche loro in questa gioia della risurrezione in pace e tranquillità. Che gioia c’è se alcuni sono in pace e altri sono in potere del male e nel dolore delle lotte intestine?

Che il Signore ci aiuti tutti a entrare nel cammino della Santa Quaresima in modo tale, e non altrimenti, che Egli possa salvare le nostre anime e promuovere la moltiplicazione del bene nel nostro mondo peccaminoso e spesso paurosamente sbagliato, affinché la verità di Dio possa regnare e regnare e guidare il genere umano. Amen.

Ufficio Stampa del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie

Tradotto tramite deepl.com

http://www.patriarchia.ru/db/text/5906442.html