“Abbiate sale in voi” (Mc 9,50)
Un granello di sale quotidiano per dare sapore alla tua giornata.

Desiderio di Dio

Desiderio di Dio

2. Signore, Dio delle virtù, convertici; mostraci il tuo volto e noi saremo salvi (Salmo 79,20). Ma, ahimè, Signore, ahimè, quanto è precipitoso, quanto è temerario, disordinato, presuntuoso ed estraneo alla regola del Verbo di verità e della tua Sapienza voler vedere Dio con cuore impuro! Tuttavia, o sovrana bontà, sommo bene, vita dei cuori e luce degli occhi interiori, grazie alla tua benevolenza, Signore, abbi misericordia, poiché la contemplazione della tua bontà, o buon Signore, è la mia purificazione, è la fonte della mia fiducia, è la causa della mia giustificazione.
Dunque, Signore Dio mio, tu che dici all’anima mia, nel modo che tu sai: Sono io la tua salvezza (Salmo 34,3), Rabbunì, sommo maestro, l’unico in grado di insegnarmi a vedere ciò che desidero vedere, di’ a questo tuo cieco mendicante: Che vuoi che io ti faccia (Marco 10,51)?
E tu sai, tu che già mi doni ciò che bramo, con quanta forza il mio cuore, gettate lontano tutte le altezze, le bellezze, le dolcezze di questo mondo e tutte le realtà che possono, anzi son solite suscitare la concupiscenza della carne o degli occhi o l’ambizione dello spirito, anche dagli angoli più riposti delle sue fibre, ti gridi: Il mio volto ti ha cercato; il tuo volto, Signore, io cercherò. Non distogliere da me il tuo volto, non respingere con collera il tuo servo (Salmo 26,8‑9).
Io sono certamente uno sfrontato e un insolente, o mio eterno aiuto, mio instancabile difensore, ma vedi che è per amore del tuo amore che lo faccio, così come vedi me, che pur non riesco a vederti, e come mi hai infuso il desiderio di te; e se qualcosa di me ti è gradito, ecco che subito perdoni a questo tuo cieco, che ti corre incontro e gli porgi la mano se, nella corsa, inciampa in qualche ostacolo.

Da “La contemplazione di Dio” di Guglielmo di Saint-Thierry, (1075 circa –1148), monaco, teologo e filosofo francese, una delle voci più elevate della mistica medievale.