catalogna-indipendenza-spagna-620x323

​​Il parlamento di Barcellona ha approvato stamani una mozione nella quale dichiara l’inizio del processo verso la costituzione di uno “stato indipendente” catalano “sotto forma di repubblica”, aprendo una grave crisi con il governo spagnolo.

Un anno fa il referendum. La mozione è stata approvata con i 72 voti della maggioranza indipendentista, contro i 63 degli altri partiti. La decisione è arrivata esattamente a un anno dal referendum consultivo sull’indipendenza promosso il 9 novembre 2014 dal capo dell’esecutivo catalano, Artur Mas, nonostante il divieto della corte costituzionale di Madrid e la dura opposizione del premier spagnolo Mariano Rajoy.

Il braccio di ferro con Madrid. Il premier Rajoy, che ha definito anti-costituzionale l’ipotesi di una indipendenza della Catalogna, ha convocato per domani una riunione straordinaria del consiglio dei ministri, che presenterà un immediato ricorso davanti alla Corte costituzionale. I giudici costituzionali spagnoli, che finora hanno sempre preso posizione contro le spinte indipendentiste catalane, dovrebbero decidere mercoledì di sospendere in forma cautelare la mozione del parlamento di Barcellona, aprendo un braccio di ferro senza precedenti con le istituzioni della Catalogna.

Le tappe verso l’indipendenza. La mozione approvata afferma che il processo verso l’indipendenza dovrà essere portato avanti senza tenere conto delle decisioni delle istituzioni spagnole, e in particolare della corte costituzionale, che viene definita delegittimata. Il Parlamento di Barcellona deve procedere questo pomeriggio al primo turno dell’elezione del nuovo presidente catalano.

Lo scontro sul presidente. La rielezione di Mas, appoggiata dai 62 deputati su 135 della sua lista Junts Pel Si, è proposta dalla presidente indipendentista del parlamento Carme Forcadell. Ma la seconda formazione secessionista, quella dei radicali della Cup, 10 seggi, per ora si dichiara contraria alla conferma del presidente uscente. Mas ha promesso di portare la Catalogna all’indipendenza nel 2017.

Avvenire 9 Novembre 015